Switch Language

Cascina Torrette

Dopo gli interventi di restauro conservativo, la cascina ha superato la sua originaria funzione agricola: conservando la natura di luogo dedicato al lavoro condiviso, ora ha acquisito una nuova identità di spazio per la cultura, l’arte e la comunità.

Cascina Torrette si trova in via G. Gabetti 15, all’interno del progetto “Cenni di cambiamento”, realizzato da Fondazione Housing Sociale e Investire Immobiliare (ex Polaris S.G.R.). L’edificio del ‘600, affidato in gestione a mare culturale urbano, è aperto al pubblico da maggio 2016.  Nei suoi 1700 mq, la struttura ospita un’area coworking dotata di 40 postazioni e un piccolo spazio laboratoriale, spazi dedicati alla formazione, due sale prove musicali, una cucina con birreria artigianale e palco per piccoli concerti, ambienti per eventi privati, un cortile comune, dotato di alcuni servizi gratuiti.

Qui le informazioni su come arrivare e gli orari di apertura.

Entrare in Cascina significa entrare in mare culturale urbano, partecipare attivamente allo sviluppo del suo progetto e far parte di una comunità. Tutti gli spazi e i servizi sono concepiti per essere strettamente connessi tra loro e permettere a chi li frequenta di approfittare delle diverse opportunità, integrandole. Capita così che un coworker sia anche un formatore o un allievo nei percorsi di formazione, ma anche un commensale della cucina, un musicista che prova, uno spettatore degli appuntamenti della stagione estiva, un artista in residenza creativa, un cittadino coinvolto in uno dei progetti di attivazione urbana. In Cascina tutte e tutti sono invitati a non essere solo spettatori e fruitori, ma a cimentarsi, partecipare, incontrarsi e condividere, stimolando, ciascuno a suo modo, i processi di inclusione sociale, innovazione culturale e rigenerazione urbana alla base della progettualità di mare.

In Cascina si può:

  • lavorare, collaborare, confrontarsi con altri professionisti negli spazi coworking;
  • frequentare corsi di formazione, partecipare a workshop e incontri;
  • condividere idee e partecipare a percorsi di progettazione partecipata;
  • affittare spazi per eventi pubblici e privati;
  • suonare e fare musica, lavorare alla post produzione di audio e video;
  • partecipare a eventi di musica dal vivo, cinema all’aperto, performance, spettacoli di teatro, danza, circo contemporaneo, con appuntamenti di ballo liscio e tango;
  • bere e mangiare con consapevolezza e nel rispetto dell’ambiente.

mare – birre e cucina, progetto di ristorazione realizzato con Food Partners, fa proprie le linee programmatiche della Food Policy del Comune di Milano e si distingue per l’attenzione agli scarti, agli sprechi e al riciclo, preferendo la filiera corta, curando la scelta dei prodotti e dei produttori, ponendo attenzione sui diversi regimi alimentari. 

E inoltre nel cortile comune si può…

  • accedere gratuitamente alla rete Wi-Fi;
  • fare scorta di acqua dalla “casa dell’acqua pubblica”;
  • cucinare il proprio pane nel forno condiviso;
  • utilizzare i tavoli cablati e gli arredi per il relax;
  • … a breve potrete consultare il tavolo sensibile e arrivare con la bici elettrica e ricaricarla.

Tutti gli arredi sono stati progettati da constructLab e realizzati in autocostruzione con il progetto #costruirelimprovviso – officina comune: un laboratorio di oltre tre mesi ora che ha coinvolto abitanti del quartiere, studenti universitari, appassionati di design. 


 

Scopri le prossime attività

Rimani aggiornata/o

Viaggia attraverso i progetti realizzati

Scopri via Novara 75


Per avere maggiori informazioni su mare culturale urbano:

  •  sale prova
  • percorsi di formazione
  • coworking
  • per affitto spazi e eventi
  • per tutto il resto c’è