Switch Language

curatori

mare ha invitato un gruppo di curatori a interpretare la pluralità di forme delle pratiche artistiche contemporanee.

Cohabitation Strategies (CohStra)
È una cooperativa senza scopo di lucro per la ricerca socio-spaziale, la progettazione e lo sviluppo, con sede a New York, Rotterdam, e Ibiza. CohStra è stata fondata nella città di Rotterdam – subito dopo il crollo finanziario 2008 – da Lucia Babina, Emiliano Gandolfi, Gabriela Rendón e Miguel Robles-Durán. Da allora CohStra ha avviato centri operativi in varie città di tutta Europa, Sud e Nord America.
Il metodo di ricerca-azione utilizzato ha l’obiettivo di facilitare progetti di intervento urbano di carattere trasformativo, attraverso il coinvolgimento di una serie di attori integrati a livello locale: governi, comuni, istituzioni culturali, organizzazioni non-profit, gruppi civici, ricercatori, artisti, designer e attivisti indipendenti, riuniti intorno al desiderio di sviluppo sociale, territoriale e di giustizia ambientale – in breve, al diritto alla città.
Cohabitation Strategies ha ideato nel 2013 per mare culturale urbano Attivazioni Urbane, un programma di azioni urbane pensato per stimolare nuovi modelli di coabitazione e di conoscenza collettiva.

Landscape Choreography (Landcho)
Landscape Choreography supporta processi collettivi di rigenerazione urbana. Attraverso un approccio interdisciplinare che integra arte pubblica, urbanistica, arti performative e scienze sociali, promuove la cultura dell’auto determinazione e dell’auto costruzione di spazi comuni, considerando la partecipazione diretta dei corpi come centrale nella costruzione del paesaggio.
Concepita come una piattaforma collaborativa fra artisti, operatori culturali, università, enti locali e gruppi informali di cittadini, Landcho interviene su processi di trasformazione sociale promuovendo un diverso uso dello spazio urbano, creando opere artistiche inedite, incentivando la programmazione culturale e lo sviluppo di reti sociali innovative.
Landscape Choreography ha ideato nel 2013 per mare culturale urbano Attivazioni Urbane, un programma di azioni urbane pensato per stimolare nuovi modelli di coabitazione e di conoscenza collettiva.

Stefano Ghittoni
Dj, produttore discografico (The dining rooms) e radiofonico (Comizi d’amore, su Radio Popolare Milano), il suo ultimo disco è “Do hipsters love sun (ra)?” (novembre 2015).
Ha curato per mare culturale urbano la proposta musicale della stagione estiva 2015 “dopo andiamo al mare?”

Sabrina Baracetti
È nata a Udine nel 1967, ha iniziato giovanissima a collaborare con il Centro Espressioni Cinematografiche, di cui nel 1995 è diventata presidente, associazione culturale di Udine che gestisce due sale d’essay e organizza eventi culturali legati al cinema. Dal 2008 collabora con Tucker Film, compagnia di distribuzione indipendente, come capo delle acquisizioni e vendite. La sua grande passione per il cinema asiatico l’ha portata a realizzare il Far East Film Festival, il più grande festival completamente dedicato a film d’autore orientali in Europa.
Per mare culturale urbano ha curato, con Thomas Bertacche, la proposta cinematografica della stagione estiva 2015 “dopo andiamo al mare?”

 

Thomas Bertacche
Nel 1991 comincia a lavorare per il Centro Espressioni Cinematografiche di Udine; nel 1995, insieme a Sabrina Bracetti, cura l’edizione dedicata al cinema italiano anni ’50 del Festival Udine Incontri Cinema. Nel 2008 diventa l’amministratore delegato della neonata casa di distribuzione Tucker Film, che si concentra sulle produzioni del territorio e sfrutta la conoscenza derivata dal Far East Film Festival per distribuire capolavori asiatici.
Nel 2013 coproduce con Francesca Archibugi il documentario “Parole povere” dedicato a Pierluigi Cappello e nel 2014 segue e distribuisce “Class Enemy“ di Rok Biček, il primo film sloveno della Tucker.
Per mare culturale urbano ha curato, con Sabrina Baracetti, la proposta cinematografica della stagione estiva 2015 “dopo andiamo al mare?”