Switch Language

I pomeriggi ritrovati stagione inverno 2018

Da gennaio 2018 tutti i lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 16.30 (ingresso, inizio ore 17.00) alle 18.30, a mare si tiene il progetto di doposcuola d’arte pedagogica, sociale e di strada “I pomeriggi ritrovati” di Associazione Logòi, per bambini e bambine fino ai 10 anni.

L’arte come parte integrante dell’educazione del bambino, vivifica e consente di creare una umanità ricca di contenuti interiori. L’arte intesa come processo creativo anche nella dimensione dell’esperienza sociale, crea una dimensione di socialità sana e libera, capace di farsi parte attiva del mondo. Accrescere la propria dimensione interiore, ma anche dare la possibilità di riappropriarsi dello spazio esterno. Parte del percorso prevede attività da svolgersi “fuori” nell’ottica di restituire il quartiere ai bambini e i bambini, al quartiere.

Contributo: 10 € a incontro per 4 o più incontri // 12 € a incontro per incontri singoli
Info e iscrizioni: Gaia 3406827485, info@casadelbosco.org
[ai bambini e bambine della materna è richiesto d’essere accompagnati da un adulto; verrà valutata la possibilità di partecipazione autonoma].

Programma settimanale di febbraio 2018 – lunedì, mercoledì e venerdì, dalle ore 16.30 alle 18.30 

Lunedì 5, 12 e 26/02 – Pittura ad Acquarello: L’incontro con il Colore secondo il metodo Waldorf
Accostare il bambino al mondo vivente dei colori per far sperimentare non solo attraverso l’esperienza sensibile, ma anche interiore, i sentimenti che essi suscitano. Fiabe, favole e leggende destano nei bambini immagini ricche di mistero che stimolano forze rappresentative e suscitano intense emozioni. L’esperienza della pittura dà la possibilità di vivere la parte emotiva aiutando a liberare la parte emozionale. E’ quasi primavera! Respiriamo il risveglio della Natura! Viviamo piano piano il ritorno alla Luce e al Colore.

Mercoledì 7 e 14/02 – Filosofia per la Creatività: esprimiamo ipotesi fantastiche, a cura di AltiSensi
Uno spazio accogliente e familiare, un luogo di ascolto sincero e privo di giudizio in cui ogni bambino si senta sicuro e libero di dar voce alla propria interiorità, raccontando esperienze, esprimendo idee, sogni, emozioni, ipotesi fantastiche. L’ immaginazione come mezzo per condividere e crescere insieme percorrendo vie originali, non omologate. bambini svilupperanno atteggiamenti empatici e cooperativi, accresceranno la stima nelle proprie capacità, impareranno a comunicare i propri pensieri nella fiducia di saperli ascoltati.

Lunedì 19, mercoledì 21 e 28/02 – Riconnettersi alla Natura: Cosa c’è in un giardino d’inverno?, a cura del Collettivo Seeds
A prima vista sembra molto poco… Andare alla scoperta della natura e del paesaggio con una lente d’ingrandimento, ammirare i suoi colori, scoprire i suoi segreti, trovare i suoi tesori e renderci conto dei sentimenti e delle emozioni che influenzano il nostro modo di vedere : un occasione per i bambini di sentirsi parte di una magica e naturale trasformazione! Dal Giardino ai suoi abitanti: ne impariamo i misteri e come averne cura. Laboratorio basato sul concetto del ri-uso, dell’esplorazione e della conoscenza di ciò che ci circonda: ciò che si osserva e raccoglie sarà utilizzato in modo creativo in piccoli lavoretti da portare poi a casa.

Venerdì 9 e 23/02 – Gaia Educazione: L’Ipergesto
L’esaltazione affermativa dell’immaginazione, delle emozioni, del corpo e del piacere. Si realizza, sulla formulazione e progettazione dei bambini un Ipergesto: una presa temporanea di potere da parte dei bambini che avranno l’occasione unica di fare propri i luoghi quotidiani imponendo il proprio immaginario, la propria azione, restituendosi così come tessuto sociale vitale e attivo al territorio.


La stagione invernale 2018 di mare è realizzata


Scopri le prossime attività
Rimani aggiornata/o
Viaggia attraverso i progetti realizzati
Scopri via Novara 75


Per avere maggiori informazioni su mare culturale urbano:

  •  sale prova
  • percorsi di formazione
  • per affitto spazi e eventi
  • per tutto il resto c’è