Switch Language

il mare a Milano

ovvero sei giorni di presentazione di mare culturale urbano alla città dal 15 al 20 marzo 2016 tutti i giorni, dalle ore 10:00, presso Triennale Expo Gate, in via Beltrami 1, Milano 

mare culturale urbano è un centro di produzione artistica che arriva oggi in zona 7 a Milano in due spazi dismessi nei pressi dello stadio San Siro: Cascina Torrette di Trenno, aperto al pubblico da maggio, e via Novara 75, in costruzione nel 2016 sull’area messa a bando dal Comune nel 2014. Nel nuovo polo culturale, costruito sul modello di alcuni importanti centri europei, si integrano ricerca artistica e progettazione sociale, attivando processi di innovazione culturale, progetti di inclusione sociale e pratiche di rigenerazione urbana, con un forte interesse per la dimensione locale e uno sguardo aperto su quella internazionale.

Dalla periferia ovest di Milano, mare si trasferisce temporaneamente in centro, per presentare alla città il suo progetto e indagare le opportunità che nascono dal considerare la cultura uno strumento di consapevolezza, benessere e crescita per ogni individuo, una leva di cambiamento e sviluppo sociale.

Tavoli di lavoro con esperti italiani e internazionali, l’esposizione del plastico di via Novara 75, video installazioni, laboratori di serigrafia, cucito, legatoria, stampa 3D e falegnameria per bambini, aperitivi, degustazioni e dj set: sei giorni di appuntamenti aperti a tutti, dalla mattina alla sera, per scoprire quali opportunità possono nascere dall’avere finalmente il mare a Milano!


martedì 15 marzo 2016

ore 18.00
Inaugurazione e presentazione
intervengono
Giuliano Pisapia, Sindaco della città di Milano
Daniela Benelli, Assessore all’Area metropolitana, Casa, Demanio del Comune di Milano
Filippo Del Corno, Assessore alla Cultura del Comune di Milano
Andrea Capaldi, Paolo Aniello, Benedetto Sicca, Fondatori di mare culturale urbano

e lancio del video di mare culturale urbano realizzato e presentato da Mammafotogramma

ore 18.00 – 21.00
Live set a me mi piace il mare <3
intarsio tessile con taglia&cuci
a cura di SerpicaLab

ore 19.00 – 22.30
mollo tutto e vado al mare
aperitivo – degustazione offerta da Consorzio Produttori Agricoli Parco del Ticino
dj set a cura di Palm Wine in collaborazione con Elita

 La proposta musicale di Palm Wine, alias Simone Bertuzzi, è un dj set border-crossing che spazia dalla dancehall, alla dub fino a tutti i sub-generi catalogabili sotto la definizione di Tropical Bass (tarraxinha, kuduro, azonto, afro beats, uk bass, rasterinha). Il progetto, nato nel 2009 in formato blog, dal 2013 organizza Bunker Sonidero, un party che ogni mese a Torino ospita artisti internazionali (fra gli altri Venus X, Chief Boima, Dubbel Dutch, Dj Marfox), e recentemente è stato ospitato al Maxxi di Roma per The Indipendent. Simone Bertuzzi è metà del duo artistico Invernomuto, attivo nell’ambito delle arti visive dal 2003. 


mercoledì 16 marzo 2016

Il racconto fotografico della giornata

ore 15.00 – 18.00
Condividere culture urbane – Sharing urban cultures
workshop – I sessione

partecipano (elenco in via di definizione)
Matthieu Goeury, Vooruit (Gent, B)
Dylan Butler, Brunnenpassage (Vienna, A)
Martin Kristof, Stanica (Ziline, SK)
Alessandro Nassiri, Care of, Milano
Jacopo  Lareno, Dynamoscopio, Milano
Beniamino Saibene e Giada Evandri, Esterni, Milano
Paolo  Aniello, mare culturale urbano, Milano
Fabio Tore, Masada, Milano
Matteo Balduzzi, Museo di Fotografia Contemporanea, Cinisello
Annachiara Altieri, Teatro Ringhiera, Milano
Filippo Barberis, Consigliere comunale
Luca Gibillini, Consigliere comunale
Emanuele Lazzarini, Consigliere comunale
Tommaso Goisis, Staff Assessorato al Benessere del Comune di Milano
Macao
Martina Magnani, Staff Assessorato Urbanistica, Edilizia Privata e Agricoltura del Comune di Milano
Silvia Tarassi, Staff Assessorato alla Cultura del Comune di Milano
Seble Woldeghiorghis, Staff Assessorato alle Politiche sociali e Cultura della salute del Comune di Milano

con la collaborazione di
Alessandra Gariboldi, Fondazione Fitzcarraldo, Torino
e con il prezioso contributo redazionale di
Marco Liberatore, che-fare.com
Oliviero Ponte di Pino, ateatro.it
coordina
Agata Etmanowicz, Vice Presidente di Impact Foundation, Co-fondatrice di Poland without barriers Foundation, Formatrice

mare culturale urbano vuole essere uno spazio del “fare”, che traduce in pratiche concetti ampi come inclusione sociale, innovazione culturale e rigenerazione urbana. Nella progettazione culturale la domanda sul “cosa” non può prescindere da quella sul “come”, poiché il processo di realizzazione ha un peso determinante sugli esiti. Alcuni centri culturali milanesi e europei, con la partecipazione di operatori del Comune di Milano, s’incontrano per confrontarsi su temi relativi all’audience development, focalizzandosi su tre assi d’azione: il quartiere (“conosci i tuoi vicini”), le diverse comunità della città (“conosci la tua audience”), la produzione artistica. L’obiettivo è sviluppare idee che possano essere implementate e trovare sbocchi concreti, oltre che stimolare la conoscenza reciproca, condividere e approfondire esigenze e pratiche di lavoro, desideri e opportunità progettuali. Il pubblico avrà l’opportunità di seguire lo svolgimento della discussione in lingua inglese dei tre tavoli contemporaneamente attraverso delle cuffie. 

ore 17.00 – 20.00
Live set a me mi piace il mare <3
serigrafia su carta
a cura di Serio Collective

dalle ore 18.00
mollo tutto e vado al mare
show cooking a cura di Electrolux Professional
degustazione gratuita con lo Chef Raffaele Soldati (Electrolux Chef Academy)
live music con Old Fashioned Lover Boy in collaborazione con Elita e Sangue Disken

 Napoletano, trapiantato a Milano, dopo aver realizzato due album con gli Abulico, Old Fashioned Lover Boy (Alessandro Panzeri), torna con un progetto solista di stampo alt-folk, cantato in inglese e basato sull’essenzialità degli arrangiamenti: The Iceberg Theory (uscito per Sangue Disken) è il suo primo album, anticipato dal singolo Your Song e prodotto a Napoli presso il Wami Lab Studio. Nelle sue canzoni emozionanti e malinconiche, Old Fashioned Lover Boy combina folk, alt. country e shoegaze, con un timbro limpido ma sofferto, trovando in artisti come Bon Iver, Ryan Adams e Mojave 3 i suoi numi tutelari. 


giovedì 17 marzo 2016

Il racconto fotografico della giornata

ore 10.00 – 13.00
Condividere culture urbane – Sharing urban cultures
workshop – II sessione

ore 16.30 – 17.30
mare culturale urbano incontra SUPER
tavola rotonda aperta agli studenti di arte, architettura e design
intervengono
Carlo Gandolfi, mare culturale urbano
Emanuele Braga e Maddalena Fragnito, Landscape Choreography, Co-curatori attivazioni urbane, mare culturale urbano
Gianmaria Sforza e Federica Verona, Fondatori di SUPER – Il festiva delle periferie

 La periferia di ogni città è una geografia complessa: nuovi cittadini, topografie, culture, servizi, comunità richiedono di immaginare lo spazio pubblico secondo nuove esigenze, attraverso la sperimentazione di pratiche individuali e collettive inedite. I collettivi di artisti e curatori Cohabitation Strategies e Landscape Choreography hanno ideato per mare culturale urbano un programma di attivazioni urbane per stimolare nuovi modelli di coabitazione e di conoscenza collettiva in zona 7. Superil festival delle periferie si propone di narrare pratiche, persone e associazioni che animano le periferie di Milano attraverso l’ascolto e il coinvolgimento dei soggetti attivi sul territorio. 

ore 17.00 – 20.00
Live set a me mi piace il mare <3
serigrafia su stoffa a cura di Serio Collective

ore 18.30 – 20.00
Produzione culturale, architettura e città. Il progetto di via Novara 75
intervengono
Carlo Gandolfi, Architetto e ricercatore, progettista di mare culturale urbano
Giovanna Silva, Architetta, fotografa, direttrice editoriale di Humboldt
Marco Biraghi, Professore di Storia dell’Architettura Contemporanea – Politecnico di Milano, cofondatore di gizmoweb.org
modera
Serena Danna, Giornalista del Corriere della Sera, Esperta di culture digitali, Co-Fondatrice della piattaforma di data journalism Peninsula Talks

 L’edificio di mare culturale urbano è concepito per essere un luogo che connette persone e idee, visioni e contenuti; sceglie di essere permeabile e fortemente integrato con l’ambiente circostante. L’architettura ha accompagnato mare fin dai suoi primi passi per studiarne le forme e i gradi di interazione dei propri spazi con la città, proponendosi l’obiettivo di accendere un intenso processo di riqualificazione del quartiere dove si trova. Il progetto di architettura costituisce una fase di profonda riflessione sulla contemporaneità, sui linguaggi, i contenuti e sul senso stesso degli spazi. Mare è un progetto responsabile che riflette sulle economie della costruzione oggi e s’interroga sui requisiti qualitativi dei luoghi per l’arte, lo spettacolo, la ricerca e il tempo libero con l’ambizione di restituire una immagine nitida e plurale della vita che lo attraverserà ogni giorno dell’anno, dalla mattina alla sera tardi.
Un’occasione per presentare e discutere insieme il progetto di via Novara 75, che sorgerà sull’area avuta in concessione dall’Assessorato al Demanio del Comune di Milano.

dalle ore 20.00
mollo tutto e vado al mare
show cooking a cura di Electrolux Professional
degustazione gratuita con lo Chef Raffaele Soldati (Electrolux Chef Academy)
live music con Michael Lane in collaborazione con Elita

 Lane ha debuttato sulla scena musicale tedesca nel 2014 con la realizzazione dell’album “Sweet Notes”, entusiasmando pubblico e giornalisti in numerosi concerti. L’album successivo è “The Middle” in cui la sua voce calda e soul si fonde con un folk scarno, acustico e moderno, che esplora i regni dell’indie e del pop. La stagione 2015/2016 segna alcuni importanti successi: lo scorso ottobre il “Four Hills Tournament”, il più grande evento di salto con gli sci in Europa, ha invitato Lane ad eseguire la canzone ufficiale, “Liberty”; la tournée che da mesi lo vede attraversare la Germania lo porta ora anche in Austria, Svizzera, Italia e Benelux. 


venerdì 18 marzo 2016

Il racconto fotografico della giornata

ore 16.30 – 18.00
La cultura come strumento di cambiamento: il ruolo delle imprese
intervengono
Cristina Tajani, Assessore alle Politiche per il lavoro, Sviluppo economico, Università e Ricerca del Comune di Milano
Roberto Beretta, Responsabile Area Regionale Lombardia, Banca Prossima
Stefano Satta, Head of Marketing Italy & Iberia, UBS
Giorgio Fiocchi, Vice Presidente, agenzia LAMA
Christian Tomadini, Direttore Generale Moroso SpA

modera
Giuliana Baldassarre, Direttore NP&COOP, SDA Bocconi

 Partnership tra pubblico e privato, relazione tra ambito culturale e d’impresa: quali sono le buone pratiche e le strategie di sviluppo di cui la cultura può beneficiare grazie a tali collaborazioni? A partire dall’esperienza di mare culturale urbano, che integra innovazione culturale e pratiche di inclusione sociale, il tavolo di discussione ha l’obiettivo di tracciare un bilancio delle caratteristiche necessarie a generare collaborazioni efficaci. La cultura, intesa come pilastro nella formazione delle comunità, rappresenta una voce di welfare che richiede un approccio innovativo, capace di orientarsi verso una città nuova e aperta. 

ore 17.00 – 20.00
Live set a me mi piace il mare <3
stampa 3D
a cura di WeMake

dalle ore 19.00
mollo tutto e vado al mare
aperitivo con degustazione offerta dal Consorzio Produttori Agricoli Parco del Ticino
live music con Marianne Mirage  in collaborazione con Elita e Sangue Disken

 Marianne Mirage è una voce moderna ed antica allo stesso tempo: partendo da un’ispirazione jazz e grazie alle numerose influenze ed alla voglia di sperimentare,Marianne arriva ora ad un concetto di urban-soul diretto e naturale: “Quelli Come Me” è il disco di debutto in uscita il 25 marzo 2016 per Sugar, l’etichetta discografica di Caterina Caselli. Anticipato da “Lo So Cosa Fai”- street single dall’animo urbano che vede la collaborazione del rapper Elijah Hook – e dal singolo “Game Over”, “Quelli Come Me” è una finestra aperta sul mondo cosmopolita di Marianne Mirage. Prodotto da Max Elli e Jack Jaselli, registrato all’Auditoria Records e mixato da Enrico La Falce, “Quelli Come Me” è un inno alle battaglie quotidiane ed alle storie di vita. 


sabato 19 marzo 2016

Il racconto fotografico della mattina e qui quello del pomeriggio sera

ore 12.00 – 14.00
Cookin’ dj set / Food remixes con donpasta
cucina dal vivo e vinili

donpasta, cuoco, poeta, economista, food performer e dj, combina nei suoi interventi multimediali vinili e pentole, mixer e mini-pimer: un dj set “speziato” in cui lasciarsi andare all’emozione del cibo e delle sonorità da tutto il mondo, tra il funk, il reggae, il Sud America e la Londra meticcia. Oggi in compagnia dei meravigliosi vini biodinamici offerti dalla cantina salcheto.
Daniele De Michele, aka donpasta, uno dei più inventivi attivisti del cibo secondo il New York Times, incontra oggi mare culturale urbano per dare il via, con l’apertura di Cascina Torrette di Trenno, a un percorso in cui il mondo del food incrocerà e si contaminerà con l’arte, in stretta relazione con il territorio e la cultura popolare. 

ore 17.00 – 20.00
Live set a me mi piace il mare <3
rilegatura
a cura di mare culturale urbano

ore 17.00 – 18.30
Il nuovo linguaggio del food nel contesto urbano
intervengono
Agostino Arioli, Fondatore e birraio Birrificio Italiano
Matteo Brambilla, City Facilitator Food Smart City For Development – Comune di Milano
Walfredo della Gherardesca, Fondatore Lorenzo Vinci – Italian Gourmet Club
Sandro Passerini, Presidente Consorzio Produttori Agricoli Parco del Ticino, fondatore Azienda Agricola Cirenaica
Giovanni Sala, Agronomo, Presidente Gruppo LAND (Landscape, Architecture, Nature, Development) e Tractus
modera
Federico Corrà, Socio Fondatore Food Partners

 Food è un concetto che per noi italiani va oltre la semplice traduzione in “cibo”; in particolare nel contesto urbano, è uno dei tratti identitari principali di un luogo: “dimmi come mangi e ti dirò dove sei”, si potrebbe affermare. Il cibo è anche il motore di un cambiamento che nel nostro paese può contare in enormi giacimenti da recuperare e rinnovare, adattandoli alle abitudini contemporanee; è soprattutto alimento, da utilizzarsi evitando gli sprechi, specie in città, dove viene trasportato e trasformato e dove, come accade in ogni processo di raffinazione, produce scarto. Il cibo infine è “lifestyle”, sublimato dai media e consacrato come abilità distintiva, rara e quindi ampiamente ricercata. 

ore 18.30 – 20.00
Di Gusto – lo showcooking non avrà più lo stesso sapore
degustazione a cura di Lorenzo Vinci
evento gratuito con prenotazione obbligatoria 

 Lorenzo Vinci, club dedicato agli appassionati di enogastronomia italiana, presenta il suo showcooking – degustazione, occasione in cui presentare piccole produzioni di eccellenza in vendita su lorenzovinci.it, in collaborazione con gli chef della Food Genius Accademy che reinterpretano in modo creativo i  prodotti grazie alla preparazione di ricette pensate e realizzate per valorizzarli. I protagonisti di questa serata sono: Oro di Cabras, azienda sarda che produce bottarga di muggine o cefalo; Salumificio Benese, nato nel 1972 come un piccolo laboratorio di macellazione e trasformazione di carni suine a Bene Vagienna, a ridosso delle Langhe, diventato leader nel settore della produzione di salumi e prosciutti locali e tradizionali; Davide Palluda, uno dei migliori chef italiani, giudicato miglior cuoco giovane del 2000 dalla guida Espresso e stella Michelin, nel 2006 con la moglie Annalisa ha aperto il laboratorio “DP”, in cui materie prime, tecnologia e ricerca si fondono, mantenendo freschezza e delicatezza di gusto e aromi; Ivaldi Dario, azienda vitivinicola con una storica vocazione legata al Barbera; Birrificio Italiano, primo birrificio artigianale in Lombardia e fra i più noti in Italia e all’estero, produce dal 1996 a Limido Comasco una ampia varietà di birre artigianali “libere, pulite e buone da bere”.
Il menù della serata prevede: ravioli ripieni di cappone e tartufo nero, burro nocciola e maggiorana; cotechino, sedano rapa e chutney di mela e cipolla; cremoso di ricotta, frolla sbriciolata, gelato alla crema variegato alla frutta secca in miele d’acacia e bottarga di muggine. 

ore 20.00 – 24.00
mollo tutto e vado al mare
starting party in collaborazione con Elita

Earth Begins live set

Nel progetto musicale formato da Emilio Pozzolini dei portroyal, band di riferimento nel panorama elettronico italiano e internazionale da più di 10 anni e freschi di un nuovo album per l’etichetta californiana n5MD, e Riccardo Lampugnani, musicista, producer e sound designer, con i due progetti AntiteQ e Daemon Tapes, le improvvisazioni con sintetizzatori analogici modulari si uniscono a sperimentazioni visive; le performance fluttuano tra un’elettronica eterea, ambienti sonori immersivi e ritmiche astratte.

Daemon Tapes + Ormeye

dj set Riccardo Lampugnani come Daemon Tape in meno di due anni ha diviso la consolle con decine di artisti del calibro di Ellen Allien, Nosaj Thing, Clark, Objekt, Actress, Dorian Concept; è resident dj della crew milanese Lobo, ha un EP alle spalle (DMNTPS#001, MagmatiQ Records di cui è fondatore) e un album in uscita nel 2016. Nei suoi dj set spazia dall’ambient alla techno più ricercata, con influenze dub e una predilezione per la psichedelia. Ormeye è cofondatore di MagmatiQ Records; si muove tra la dub, la techno e la minimalhouse, fino a sonorità più ambient/chill out.


domenica 20 marzo 2016

ore 10.00 – 13.00 / 14.00 – 16.00
Laboratorio di costruzione con il legno a cura di ConstructLab
per bambini dai 6 ai 12 anni
partecipazione libera, durata 20  minuti circa

I bambini saranno guidati dagli artigiani di ConstructLab, che stanno curando per mare culturale urbano il progetto #costruirelimprovviso, nella realizzazione di casette in legno per uccelli e pipistrelli; si potrà poi scegliere se portare a casa gli oggetti costruiti o lasciarli per allestire la corte della Cascina Torrette di Trenno e gli spazi verdi circostanti.

Per info scrivere a workshop@maremilano.org


 

Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero secondo la disponibilità dei posti e si terranno anche in caso di pioggia.

I live set a me mi piace il mare sono l’inizio della produzione del merchandising di mare culturale urbano, acquistando uno o più oggetti si sostiene il progetto.


 

realizzato con

01-realizzato


 

con la collaborazione di

collaborazioni


 

con il contributo di

03-contributo


 

media partner

media


 

location
05-location

 

il mare a milano