Switch Language

La storia della mia rigidità | Wunderbaum

Il 21 e 22 giugno alle ore 20.30 la compagnia olandese Wunderbaum, che ha già prodotto con mare Chi è il vero italiano?  porterà in scena la prima italiana di La storia della mia rigidità, uno spettacolo con la forma di lezione con protagonisti gli attori Marleen Scholten e Walter Bart che si interrogheranno sulle loro origini e sull’incapacità degli olandesi di muoversi armoniosamente, una performance fisica e comica, un’indagine quasi antropologica sull’attitudine al movimento e come questo possa essere parte di un background naturale.

Lo spettacolo ha debuttato in Prima assoluta al Festival Fusebox di Austin (Texas), a fine aprile 2018.

Qual è la ragione che impedisce ad un intero popolo di muoversi armoniosamente? Perché gli Olandesi non posseggono la stessa propensione alla danza e alla fluidità del movimento che hanno, ad esempio, i Brasiliani.
Ad ogni replica gli attori mettono in scena la performance con l’aiuto gruppo di persone del luogo, che hanno seguito un percorso di danza popolare legata al loro territorio. Questa collaborazione permette di istituire una parallelo fra l’esperienza personale degli artisti e quella dei partecipanti locali.

La performance ‘La storia della mia rigidità’ entra a far parte della rassegna – i like to move, un progetto di mare culturale urbano dedicato allo studio del movimento.

GLI SPETTACOLI:

21 Giugno ore 2o.30
Anteprima nazionale in occasione della festa del #ventunogiugnoduemiladiciotto

22 Giugno ore 20.30
La performance verrà realizzata con la collaborazione di alcuni volontari di coloro che hanno partecipato al Laboratorio di Danze popolari di Mario Meini (articolato in tre date: 18 – 25 maggio e 8 giugno)

.


La stagione estate di mare è realizzata:


Scopri le prossime attività

Rimani aggiornata/o

Viaggia attraverso i progetti realizzati

Scopri via Novara 75


Per avere maggiori informazioni su mare culturale urbano:

  • mare birre e cucina
  •  sale prova
  • per affitto spazi e eventi
  • per tutto il resto c’è