mare culturale urbano menu

Storie di padri. Storie di figli. – Quattro generazioni a confronto 

il nuovo libro di Andrea Polo
Dialogano con l’autore: Silvia Rossi - I Trentenni; Isabella Contaldo - Presidente EleMorez Onlus; Dario Bolis - Direttore Comunicazione Fondazione Cariplo
presentazione libro

03 Aprile 2024

ore 18:30

lettura

Cosimo è diventato padre nel 1910; Andrea, suo nipote, lo è diventato nel 2010, esattamente 100 anni dopo. 

Il primo è nato pastore, ha imparato a leggere e scrivere in prigionia e ha fatto di tutto perché i suoi undici figli studiassero e diventassero, diceva, migliori di lui. 

Il secondo è nato quasi a sorpresa dopo otto anni rispetto ai suoi fratelli, ha fatto della scrittura e della parola il suo mestiere, e ha girato una buona parte di Italia e di mondo per diventare l’uomo ed il padre che è. Anche se i suoi genitori ed i suoi figli non hanno mai ben capito quale sia il suo mestiere.

Attraverso i racconti della loro famiglia, ironici ma anche in grado di far riflettere, Andrea fa con i suoi figli, Marco e Giovanni, un viaggio divertente attraverso un secolo di paternità; da quando i bambini non si prendevano in braccio perché “era una cosa da donne” a quando si è imparato a godersi a pieno la gioia di essere un papà; perché quello del genitore è un mestiere difficile, ma è anche il lavoro più bello del mondo. 

Esce il 15 marzo in libreria e su tutte le piattaforme online Storie di padri. Storie di figli, il romanzo edito da Paesi Edizioni, scritto da Andrea Polo (160 pagine, disponibile in versione cartacea e ebook).

Cosimo diventa padre nel 1910; Andrea, suo nipote nel 2010, a dividerli esattamente un secolo di storia e cultura in profonda e continua evoluzione. Il primo, nato pastore, ha imparato a leggere e scrivere durante la prigionia e fa di tutto perché i suoi undici figli possano studiare e diventare ‘migliori di lui’. 

Andrea, nato a sorpresa a otto anni di distanza dai suoi fratelli, fa della scrittura e della parola il proprio mestiere, nonostante genitori e figli non abbiano mai capito fino in fondo che lavoro faccia. Ma Andrea, soprattutto, gira l’ Italia e il mondo, diventando l’uomo e il padre che è.

Ripercorrendo la storia della famiglia, raccontata ai lettori con istantanee cariche di ironia e profonde al tempo stesso come solo le cose semplici ma necessarie sanno essere, Andrea con i figli Marco e Giovanni, affronta un viaggio attraverso un secolo di paternità: da quando i bambini non si prendevano in braccio perché ‘cosa da donne’ fino al momento in cui gli uomini hanno imparato e forse in fondo gli è anche stato concesso, a godersi a pieno l’ essere un padre, perché si sa, se quello del genitore è un mestiere senza dubbio difficile, è anche il più bello del mondo. 

La storia è ambientata il 2 marzo 2023, una settimana prima del compleanno del padre di Andrea, venuto a mancare da pochi mesi. Proprio per riagganciarsi alla sua immagine, ai ricordi, quelli vissuti insieme e quelli conosciuti attraverso i racconti degli altri, Andrea scrive e regala ai figli la storia della propria famiglia, la memoria di radici che lo ancorano ben saldamente al presente, raccontando come si sia trasformata in modo necessario e imprescindibile la figura del padre.

Una paternità raccontata anche ripercorrendo momenti difficili e sempre emozionanti come quando Cosimo, diventato ferroviere e rimasto vedovo molto presto, riesce a crescere i suoi 11 figli, in un contesto sociale e culturale ben diverso da quello che conosciamo oggi. Tra quegli 11 figli c’è Marco, padre del protagonista, che vediamo farsi strada nel mondo come medico affermato ma soprattutto come un padre, a dispetto della sua serissima professione, sempre presente e divertente, in grado di supportare i figli, con il coraggio di farlo rimanendo, quando necessario, un passo indietro. 

Una figura genitoriale già in evoluzione che trova la sua trasformazione più profonda nel rapporto di Andrea con i propri figli.

Ad accompagnare il lettore attraverso le righe del romanzo le tante domande che proprio i figli fanno al protagonista, domande che costringono tutti ad un tuffo nel presente e nel passato sempre più coinvolgente e in grado di emozionare chi non ha paura di farlo.

Il 10% dei diritti d’ autore sarà devoluto alla Onlus Ele Morez (https://www.elemorezonlus.com/). 

Bio autore

Andrea Polo nasce a Cagliari nel 1975 ed è oggi uno dei nomi più noti della comunicazione d’impresa italiana. Ha lavorato per alcune delle aziende più importanti del nostro Paese, da Giunti editore ad eBay, da Immobiliare.it a Facile.it. È guest teacher in molti corsi e master universitari e le campagne di relazioni pubbliche che ha creato e diretto hanno ottenuto diversi premi nazionali ed internazionali fra cui ben undici European Excellence Award. 

Soprattutto, però, è l’orgogliosissimo papà di Marcello e Corrado. 

 

Share on: Facebook

mare culturale urbano

Via G. Gabetti, 15
20147 – Milano

Privacy Policy

Design by Parco Studio

informazioni

02.45071825
rispondiamo al telefono
dal martedì al venerdì
dalle 15:00 alle 22:00
sabato e domenica
dalle 10:00 alle 14.00
e dalle 18:00 alle 22:00

ristorante e pizzeria

prenota dalla piattaforma online
per gruppi superiori alle 6 persone chiamaci allo 02.45071825 agli orari indicati

il tuo evento a mare

Vuoi organizzare un evento a mare?

Sei un privato scrivici a eventiprivati@maremilano.org

Rappresenti un’azienda scrivici a eventiaziendali@maremilano.org

Dati societari

per informazioni
amministrazione@maremilano.org

mare food lab srl
Via Quinto Cenni, 11 – 20147 Milano (MI)
CF e P.Iva 10577000960

LUDWIG – officina di linguaggi contemporanei
Via Quinto Cenni, 11 – 20147 Milano (MI)
P.Iva 06360611211 – CF 95112440631

Orari generali apertura cascina

dal lunedì, martedì, mercoledì, giovedì e domenica
dalle 09.00 alle 01.00
venerdì e sabato
dalle 09.00 alle 02.00

sale prova

cerchi uno spazio dove esercitarti con musica, teatro o danza? saleprova@maremilano.org

direzione artistica

LUDWIG – officina di linguaggi contemporanei produce e cura la programmazione artistica di mare culturale urbano
sei un artista? scrivici a  proposte@maremilano.org

lavora con noi

entra a far parte dello staff di mare culturale urbano! Invia il tuo cv a job@maremilano.org