Switch Language

festival delle birrette

Terza edizione! Tre giorni di birre artigianali e musica live: 26-27-28 maggio 2017 ☞ ingresso libero

Da venerdì 26 a domenica 28 maggio torna il festival delle birrette, terza edizione della tre giorni dedicata alle birre artigianali italiane, alla buona musica e al buon cibo nel cortile di mare. Venerdì 26 e sabato 27 dalle ore 18.00 alle 24.00, domenica 28 dalle ore 16.00 alle 22.00.

Saranno a mare a spillare le loro birre fatte artigianalmente Nuovo Birrificio Italiano, Birrificio Rurale, PicoBrew, Birrificio Milano, Brewfist, Menaresta, War – We are rising. Domenica pomeriggio appuntamento speciale con la cottura pubblica di PicoBrew con Pietro Tognoni. Per tutti e tre i giorni oltre agli stand dei birrifici anche postazioni di street food con un’ape car di cucina libanese e una di pizza, i panzerotti de La Cucinotta, piadina romagnola, gelati artigianali e vegani (T.V.B.), grigliata mista a cura di mare birre e cucina con arrosticini e salamelle.

Tra birrette e sfiziosità, anche tanta musica, dal vivo e non, con Pinnacle dj set (Nicolò Posenato) venerdì sera dalle ore 19.00 e sabato sera dalle ore 21.00 i live di raster goes gipsy, la rassegna di musica indie che per l’occasione porta a mare due gruppi speciali: Les manouches bohemiens e a seguire Le hot club de Milanò. Domenica chiude la serata il dj set di Mariano Rano con vinili dalle ore 18.00 e dalle ore 18.30 il live painting di Carmelo Marturano.

dove 
mare culturale urbano, via G.Gabetti 15 Milano.

orari
26 – 27 maggio dalle 18.00 alle 24.00
28 maggio dalle ore 16.00 alle 22.00

 

venerdì 26 maggio dalle ore 18.00 alle 24.00
ore 19.00, dj set di Nicolò Posenato

sabato 27 maggio dalle ore 18.00 alle 24.00

raster goes gipsy
ore 21.00, live di Les manouches bohemiens
ore 22.30, live di Le Hot Clud di Milanò

domenica 28 maggio dalle ore 16.00 alle 22.00
*dalle ore 13.00 pranzo della domenica!
nel pomeriggio, cottura pubblica con Pico Brew

ore 18.00, dj set di vinili con Mariano Rano
ore 18.30, live painting di Carmelo Marturano

1  – Brewfist

  • La bassa – Pilsener

Fermentazione: bassa / Colore: Dorato / Alc.: 5,2% vol.

  • Spaceman – West Cost Ipa

Fermentazione: Alta / Colore: Dorato / Alc.: 7% vol.

  • Bureaucracy – Indian Pale Ale

Fermentazione: Alta / Colore: Dorato / Alc.: 6% vol. / Bronzo nel 2012 agli australian international beer awards

  • Czech Norris – Imperial Pils

Fermentazione: Bassa / Colore: Dorato / Alc.: 7% vol.

  • Onw way triphell  – Tripel

Fermentazione: Alta / Alc.: 9,5% vol.

2 – Pico Brew

  • Big Up – Pale Ale con bacche di Goji

Fermentazione: Alta / Colore: Dorato / Alc.: 5,5% vol.

Aspetto: dorata carica, opalescente con una schiuma bianca fine e persistente

Olfatto: al naso emerge un bouquet intenso e complesso caratterizzato da note fresche agrumate e resinose conferite dal dryhopping di Columbus e un aroma di fragolina di bosco.

Gusto: rotondo e complesso nel quale si incontrano note dolci di frutta rossa riconducibili all’utilizzo delle bacche e un amaro citrico e persistente che invoglia al sorso successivo. La carbonatazione è vivace ma non fastidiosa e il corpo è scorrevole quanto basta per dare grande bevibilità lasciando comunque un piacevole gusto di cereale nel finale.

  • Bomboclat – Hoppy Belgian Ale

Fermentazione: Alta / Colore: Dorato / Alc.: 5% vol.

Aspetto: dorata carica con riflessi aranciati con una schiuma bianca compatta a grana fine

Olfatto: il bouquet di questa birra è complesso e intrigante, si mescolano note erbacee e agrumate del luppolo agli aromi di frutta a pasta gialla conferiti dal ceppo di lievito belga utilizzato, lasciatela scaldare e noterete l’evoluzione dei profumi di questa birra.

Gusto: in bocca è complessa con una perfetta corrispondenza gusto-olfattiva, si ritrovano le note di frutta matura come pera, albicocca e pesca accompagnate da un amaro deciso che conferisce grande bevibilità. Nel retrolfatto tornano note di agrume, erba appena tagliata e frutta. Il corpo è esile e la carbonatazione vivace per garantire una bevuta facile e mai stancante.

  • Eger – keller pills

Fermentazione: Bassa / Colore: Dorato / Alc.: 5,2% vol.

Aspetto: giallo paglierino con una schiuma bianca compatta aderente alle pareti del bicchiere.

Olfatto: Il naso è dominato da note fresche ed floreali, fieno, erba appena tagliata e cereale e un aroma di miele delicato. Il generoso dry hopping (luppolatura a freddo) rende questa birra estremamente profumata.

Gusto: pieno fresco e dissetante, in un primo momento gli aromi dei luppoli dominano il profilo gustativo di questa birra per poi lasciare spazio ad un piacevole cereale e ad un amaro finale deciso ma mai invadente. Come prevede lo stile il corpo pieno senza però compromettere la bevibilità di questa birra incredibilmente dissetante. Dopo un sorso ne vorrete un altro e poi un altro ancora.

  • Shwarze negher

Fermentazione: Bassa / Colore: Scura / Alc.: 5,5% vol.

Birra scura a bassa fermentazione. Al naso emergono note tostate e di cioccolato fondente, in secondo piano un aroma fresco di luppolo. Il corpo leggero e il finale moderatamente amaro rendono questa birra pericolosamente beverina.

  • Road to Vallonia – Spiced Saison

Fermentazione: Alta / Colore: Oro antico / Alc.: 6% vol.

Aspetto: si presenta di colore oro antico con riflessi aranciati e una schiuma bianca a grana fine, appare velata e il fondo della bottiglia presenta un leggero deposito di lievito dovuto alla rifermentazione.

Olfatto: al naso arrivano piacevoli note speziate che dominano il bouquet aromatico di questa birra, solo i più attenti riusciranno a individuare tutte e 5 le spezie impiegate per la produzione di questa birra il cui aroma rimane in equilibrio con quelli di miele e cereale.

Gusto: in bocca arriva inizialmente un attacco dolce che è subito ridimensionato dalla leggera acidità e dalla grande secchezza di questa birra, le spezie sono percepibili lungo tutta la bevuta e ma non rubano la scena al malto, che conferisce una nota dolce di cereale, e al luppolo che chiude la bevuta con un amaro delicato in fondo alla gola. La nuova Ipa – questa birra è nuova, l’hanno prodotta per la prima volta quest’anno

3 – Menaresta

  • Bevera – Golden Ale

Fermentazione: Alta / Colore: Dorato / Alc.: 4,2% vol.

Secca, come un torrente d’agosto, enormemente beverina, si fa bere a ingollate, come i fiotti e la corrente di un fiume in piena, e amara, floreale, aromatica, come un prato in fienagione nella radura, e chiara, trasparente, orgogliosamente pulita: com’era l’acqua del Lamber quand’era pura.   

  • Dirk – Brown Ale

Fermentazione: Alta / Colore: Scuro / Alc.: 5,5% vol.

Ambrata scura tipo brown ale, con “cioccolato” di carruba (birra di carattere inglese, di grande bevibilità, ma con freschezza di luppolo – anche americano – e originalità italiana). Note degustative: fruttato, frutta secca, torrefatto,cioccolato

  • White widow – White IPA

Fermentazione: Alta / Colore: Chiaro / Alc.: 5,5% vol.

Chiara velata tipo white I.P.A., con tanto luppolo aromatico, ma tutto europeo (prevale la componente ipa su quella blanche, che viene però a rinfrescare ulteriormente la beva). Note degustative: fruttato, erbaceo, crosta di pane

  • Le verguenza – Double IPA

Fermentazione: Alta / Colore: Ambrata / Alc.: 5,5% vol.

Ambrata straluppolata tipo double I.P.A., amara e molto profumata (secca, mantiene un’enorme bevibilità e un grande equilibrio pur nell’impiego massiccio di luppoli americani). Note degustative: fruttato esotico (intenso), agrumato

  • Birra madre

Fermentata con il lievito del pane / Colore: Chiara / Alc.: 4,8% vol.

l risultato, come per i Làmbic, è una birra particolarissima, secca e sapida, vinosa e sidrosa, con un retrogusto decisamente acidulo, i sentori minerali della pasta madre e i profumi di muffe nobili. È il nostro Làmbic sul fiume Lambro (scherzosamente detto Làmbric…), maturato in botte nove mesi e fatto uscire in due versioni: normale (senza bollicine) e rifermentata in bottiglia (la Gueuze brianzola: la Gazeuse!…).

4 – WAR

  • Zelda – BItter

Fermentazione: Alta / Colore: Chiaro / Alc.: 4,2% vol.

Rivisitazione delle classiche bitter inglesi. Massicce dosi di luppolo conferiscono a questa session beer intense note citriche e di frutti tropicali, il tutto bilanciato dalle note dolci di caramello conferite dai malti.

  • Amen – Ipa

Fermentazione: Alta / Colore: Chiara / Alc.: 5,8% vol.

Al gusto è intensa con un aroma erbaceo e fruttato dato dai luppoli americani. Il corpo è di media intensità, e il malto caramello è bel bilanciato dalla luppolatura intensa.

  • Fiji – American Amber Ale

Fermentazione: Alta / Colore: Ambrata / Alc.: 6,5% vol.

L’American Amber Ale è una birra forte, dal colore rosso rubino e dall’intenso profumo agrumato dei luppoli americani. Malto e luppolo sono ben bilanciati e si supportano a vicenda; il corpo medio le conferisce una buona bevibilità.

  • Babau – Porter

Colore: Scuro / Alc.: 6,5% vol.

Forte, scura e dal sapore complesso, la Porter è caratterizzata prevalentemente dall’utilizzo dei malti scuri, che le donano intense note torrefatte di caffè e cacao. I profumi del luppolo sono quasi assenti, e l’amaro bilancia in modo egregio la parte dolce del malto.

  • Helleboro –  Blanche

Fermentazione: Bassa / Colore: Ambrata / Alc.: 6,5% vol.

Un classico belga, la blanche è una birra di frumento molto leggera e dissetante, ideale per le calde giornate estive. Naturalmente torbida, regala piacevoli note fresche conferite dalle spezie e dai luppoli che ben si legano con la dolcezza dei malti.

5 – BIRRIFICIO MILANO

  • La Veloce – Golden Ale

Fermentazione: alta / Colore: Dorato / Alc.: 4,5% vol.

Birra bionda ad alta fermentazione adatta ad ogni occasione. I sentori erbacei e la spiccata luppolatura le conferiscono una decisa amarezza molto gradevole.

  • La Virata – Blanche

Fermentazione: Alta / Colore: Chiaro / Alc.: 4,2% vol.

Birra chiara di tipo “Blanche” ad alta fermentazione in perfetto stile belga, molto leggera e beverina. Complessa, delicata e profumata dai sentori di coriandolo, arancia e fiori di sambuco.

  • La Gran Volta – Porter

Fermentazione: Alta / Colore: Scuro / Alc.: 4,8% vol.

Birra Cruda italiana di color marrone ad alta fermentazione non pastorizzata e non filtrata, aromi delicati di tostato e caffè.

  • Vola basso – IPA

Fermentazione: Alta / Colore: Ambrata / Alc.: 6,2% vol.

Birra ambrata ad alta fermentazione dalle note particolarmente luppolate con aromi fruttati e fini note di caramello: di corpo medio e dolce amarezza.

  • Otto Cubano – Scotch Ale

Fermentazione: Alta / Colore: Ambrata / Alc.: 7,5% vol.

È una birra in stile Scotch Ale di color ambrato tendente al marrone, ad alta fermentazione non filtrata e non pastorizzata. Presenta un marcato aroma di whisky torbato, frutta candita, tabacco e tostato con un leggero retrogusto amaro.

6 – BIRRIFICIO ITALIANO

  • Tipopils
  • Bibock
  • Fleurette
  • Nigredo
  • Amber shock

7 – BIRRIFICIO RURALE

  • Terzo Miglio
  • Seta
  • Global IPA
  • Reset
  • Hop Art  

  • Cucina Libanese – Tira il piatto contro il muro: un’Ape-car dedicata con friggitrice e piccola cucina mobile, un motto che è insieme simbolo e obiettivo (Tira il piatto contro il muro).  L’Ape di Tira il piatto contro il muro offre i sapori e gli odori mediterranei dei falafel, dei fagottini fritti con formaggio e verdura, dello humus, della crema di melanzane con tahina, del tabulè.
  • Piadina Romagnola
  • Magna e fuje: ape car che serve pizza
  • La Cucinotta: panzerotto originale barese e gnocco fritto
  • Gelateria T.V.B.: gelateria e gastronomia naturale, TVB Tutto vegetale biologico! Ti vogliamo bene! è un negozio con laboratorio dove puoi trovare gelati, piatti pronti da asporto dolci e salati, centrifugati freschi di frutta e verdura biologiche, bevande vegetali, gli ingredienti con cui prepariamo i nostri gelati e piatti, prodotti sfusi, confezionati e biologici tutti vegetali! All’interno del progetto di co-housing sociale “Cenni di Cambiamento” a un passo dalla Cascina Torrette Trenno. Un negozio di vicinato ma non solo in un contesto fuori dall’ordinario ricco di verde, con spazi ricreativi per bambini e adulti!
  • La griglia di mare birre e cucina: grigliata mista, arrosticini, salamelle… 

https://www.facebook.com/Les-Manouches-Bohémiens-176995059048082/

Ritmo gitano, swing, arte di strada, improvvisazione, jazz. Atmosfere delicate e ritmi incalzanti, in un’espressione musicale che coinvolge musicisti e ascoltatori. “Les Manouche Bohémiens” nasce suonando in strada a Vicenza dall’incontro di musicisti provenienti da varie esperienze musicali.

Unito dalla passione per il jazz manouche il Trio ha fin da subito un grande successo esibendosi dapprima in strada (dove vengono notati anche da famosi musicisti come Hyung-ki Joo del duo “Igudesman and Joo”, Roy Paci, Yorgui Loeffer, Boulou Ferré, Moriarty, Daniel John Martin…) e in seguito in locali, festival e club (numerosi concerti per il “Vicenza Jazz Festival”, esibizioni al Panic Jazz Club, il concerto all’ “Antiruggine” di Mario Brunello, le partecipazione al “Ferrara Buskers Festival” e al “Meeting di Arte, Musica e Intercultura” MAMI). Il Trio si arricchisce musicalmente grazie a collaborazioni e incontri con importanti musicisti come Angelo Debarre, Yorgui Loeffer, Billy Weiss, Boulou e Elios Ferré, Jacopo Martini, Augusto Creni, Maurizio Geri, Rares Morarescu, William Brunard, Alexian Santino Spinelli… L’incisione dell’album “Torno Subito” rappresenta il primo passo verso la ricerca di nuovi ritmi, armonie, timbri e l’inizio di un’intensa esperienza compositiva. “Les Manouches Bohémiens” non dimentica la sua origine “di strada”, dove ancora oggi si esibisce con grande entusiasmo. 

 

https://www.facebook.com/Le-Hot-Club-de-Milanò-1668645943424044

Le Hot Club de Milanò è un quartetto, composto da monsieur Le Chef (chitarra), musicista di lunga e variegata carriera, Virginia Sutera (violino), di formazione classica, Angelo Merlino (voce e chitarra) e Davide Buratti al contrabbasso. Il nome evoca una spiccata tendenza al repertorio Jazz Manouche di Django Reinhardt, condito da riccioli di Swing Italo-Americano al profumo di ballate francesi e confettura di Mambo e Bolero. 

 

https://www.facebook.com/CarmeloMarturano1986/

Carmelo Marturano nasce a Palmi (RC) nel 1986 facendone, fino ad ora, la sua base operativa e luogo d’ispirazione delle sue creazioni. Già da piccolo, circondato da un ambiente artistico, muove i primi passi nel mondo musicale iniziando a suonare il basso e non solo, in vari progetti, che ne hanno così accresciuto le sue doti e la sua sensibilità. Di pari passo decide così di buttarsi nel mondo dell’illustrazione e della grafica, raggiungendo importanti traguardi e soddisfazioni come essere stato selezionato per creare la locandina della prima edizione del COLLA FEST (festival che si svolge a Roma con tema Poster e Sticker) e aver creato tutte le grafiche per lo stand di F-PEDAL (brand di pedali di proprietà di Eddie Cramer) al NAMM di Los Angeles del 2015, aver vinto il primo premio nell’edizione del 2016 del Best Art Vinyl, per aver creato la copertina dell’album di Emilio Sorridente. Ha studiato GRAFICA D’ARTE presso l’Accademia di belle arti di Reggio Calabria. 


La stagione primavera di mare culturale urbano è realizzata da mare

con il contributo di Comune di Milano Fondazione Cariplo

con il sostegno di Yamaha | Moroso

con la collaborazione di Librieletture.com | Oasi del Piccolo Lettore | Food Partners | Piano City Milano

media partner Zero | Radio Popolare | Spotlime | Indie Roccia


Scopri le prossime attività

Rimani aggiornata/o

Viaggia attraverso i progetti realizzati

Scopri via Novara 75


Per avere maggiori informazioni su mare culturale urbano:

  •  sale prova
  • percorsi di formazione
  • per affitto spazi e eventi
  • per tutto il resto c’è