mare culturale urbano menu

Tutte le immagini scompariranno

Un progetto di FanniBanni’s

In una città che cambia costantemente, in un’epoca in cui la memoria è digitale, in cui sembra che tutto si possa salvare ma solo a patto che molto si perda e si dimentichi, ci siamo chiesti: che cosa stiamo perdendo?
Tutte le immagini scompariranno è un progetto sulla memoria, su ciò che scompare con il tempo e si perde irreversibilmente. Abbiamo svolto la ricerca interagendo con delle persone anziane, in quanto custodi di un mondo che sta scomparendo, in quanto memorie fisiche in cui abita ciò che vorremmo conservare, e in cui ciò che cerchiamo di conservare – il corpo, la memoria – è più fragile.
C’è qualcosa che facevi che hai smesso del tutto di fare? Cosa credi che abbiamo perso e non possiamo più recuperare? Ci sono delle cose che rimpiangi di aver fatto? Ci sono delle cose che rimpiangi di non aver fatto?
Grande parte della ricerca ha riguardato i gesti che costituiscono la memoria corporea delle persone che abbiamo incontrato.
In scena una danzatrice, corpo e immagine di tutto ciò che di questa ricerca – di queste persone, di questa memoria, di questa epoca – abbiamo deciso di salvare, o che nonostante tutto, ci rimane addosso.

Creazione collettiva FanniBanni’s
Ideazione Nicoletta Nobile
Drammaturgia Rocco Ancarola, Giorgia Favoti, Nicoletta Nobile
Coreografia Francesca Santamaria
Progetto sonoro Gabriele Anzaldi
Video Rocco Ancarola
In scena Rocco Ancarola, Giorgia Iolanda Barsotti, Nicoletta Nobile, Francesca Santamaria
Luci e tecnica Giovanni Di Capua

Con il sostegno di Artisti Drama

Ringraziamento speciale alla Casa dei Tigli, al gruppo Terza età, alla Banda d’Affori, a Luigi e Cesira di Hobby toys, ad Anna e Lina, Anna Maria, Antonella, Maurizio, Luigi, Concetto, Don Tommaso, Cristina, ai bambini e ragazzi del centro estivo di Villa Viva, alla Casa Famiglia di Via Faccio, Al Comitato Cittadini Affori, alla liuteria Gabrielli, LiutaiLab, Restauro carta Furlotti e restauro Tessile Lombardo, agli alberi di Villa Litta e a tutti i cittadini e le cittadine di Affori